Seguici Su:

Contattaci:

Image is not available
Image is not available
Image is not available
Image is not available
Image is not available

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Slider
Venerdì, 09 Giugno 2017 18:09

Golden a tutto schermo

Scritto da 
Vota questo articolo
(10 Voti)
Viola, 5 anni, bionda, occhi dolcissimi. Carolina, 25 anni, castana, occhi dolcissimi.
Segni particolari: amiche del cuore e star.
“E’ partito tutto per caso. Ricevo da una amica la segnalazione di un casting: stavano cercando un Golden tra i 2 e i7 anni per un documentario sulla Toscana per una società coreana.” E’ l’agosto dell’anno scorso (2016, ndr). Carolina è una studentessa, studia Scienza dell’Infanzia a Firenze, lavora con i bambini e vive a Prato.

“La spinta è arrivata da mia madre che mi ha detto di provare, nonostante le mie resistenze, perché sono una persona timida. Così, ho risposto alla ricerca. Ho ricevuto una mail dal referente milanese del progetto, mi chiedeva di mandare un po’ di fotografie di Viola.” Dopo quindici giorni, la conferma. La società coreana è rimasta colpita da Viola e la vuole ingaggiare per le riprese. E con lei, Carolina.

Il racconto del video, infatti, ha come protagonisti un cane e il suo compagno umano.

rsz 12017 06 08 photo 00000006Viola li ha conquistati subito. Lei è già una piccola star. Ha un profilo Instagram, “viola_thegoldenretriever”, dove con Carolina è attrice dei loro momenti quotidiani. Carolina non è da meno con quel suo modo di entrare nella situazioni in punta di piedi, con garbo e disponibilità, e uno sguardo pulito e aperto sulle emozioni.
La produzione cercava proprio questo: non un cane addestrato, ma un cane di famiglia, un’intesa naturale, vera.

Perché proprio un Golden? Scopro con Carolina che per i coreani il Golden Retriever è il cane per eccellenza, la bellezza assoluta. Come non essere d’accordo?

La società coreana si chiama Remedia e produce video per grandi clienti multinazionali.
“A me la situazione già sembrava incredibile, ma poi, cercando qualche informazione su quella società, capiamo che si tratta di una realtà grossa. Va bene – penso – buttiamoci in questa avventura, saranno un paio di giorni di riprese per Viola e nulla di più.”

Carolina e Viola incontrano il regista del documentario a Firenze, dove scoprono il planning delle riprese.
E’ un vero e proprio viaggio. Il primo di Carolina e Viola da sole.

Dieci giorni di lavoro e telecamere: Firenze, Siena, il Chianti, le Terme di Saturnia, le Alpi Apuane, Villa Garzoni Pistoia, le Cinque Terre. Le Cinque Terre? Sì, forse la bellezza dei luoghi ha prevalso sulla coerenza dei confini geografici. Il documentario, infatti, vuole essere un invito ai coreani a visitare e scoprire l’Italia.

“Che esperienza fantastica! Siamo stati in luoghi bellissimi, ospiti di agriturismi stupendi. Noi due in stanze imperiali. Viola dormiva nel lettone con me, cosa che a casa non fa mai. Due principesse.”

L’impegno non è mancato. Sveglia la mattina presto, trasferimenti, anche lunghi, e poi le riprese nelle diverse situazioni, intere giornate fuori. “All'inizio ero un po’ preoccupata, temevo che per Viola potesse essere difficile abituarsi a luoghi e situazioni sempre diversi o che si stancasse troppo a stare fuori tutto il giorno. E, invece, è stata super. E tutti sono stati con noi gentilissimi e disponibili. Per loro, al primo posto c’era Viola, il suo benessere, mi chiedevano sempre di avvisare se vedevo Viola stanca, in modo da fermare il lavoro e darle modo di recuperare. E anche quando a lei è venuta la tracheite – le era già successo, in passato – ci hanno subito portate dal veterinario e si sono preoccupati delle cure.”

rsz 2017 06 08 photo 00000008Carolina e Viola sono sorelle nel cuore. Così diverse. Carolina è timida, riservata, riflessiva. Viola è energia, esplorazione, testardaggine, è impegnativa. “E’ il mio primo cane e, anche se nessuno ci crede, io, prima di lei, dei cani avevo paura. Ora, non potrei farne a meno e non resisto se ne vedo uno. Ma Viola non è solo infinita dolcezza, per me è stata anche una sfida. Da cucciola la sua testardaggine mi ha messo molto alla prova. Abbiamo lavorato tanto, abbiamo fatto un percorso di crescita insieme e ora il nostro legame è unico. In famiglia siamo in cinque, ma tutti sanno che tra noi due c’è un legame speciale. E’ la mia migliore amica, è l’anima bella che mi ha aiutata a scoprire la mia, che mi ha insegnato ad aprirmi, ad andare oltre me e tuffarmi nella corrente della vita.”
Ed è così che un cane può diventare davvero una estensione della nostra parte più profonda e viva e farla diventare più coraggioso, più in contatto con le infinite emozioni della vita. E creare opportunità.

“Travel with my Pet” è il documentario a episodi prodotto da Remedia per Samsung.
Qui, il prologo.

http://tv.naver.com/v/1716271?query=travel+with+my+pet&plClips=false:1716373:1716339:1716360:1716320:1716282:1716271

Dal 29 maggio al 23 giugno, ogni lunedì, mercoledì e venerdì viene pubblicato un nuovo episodio su tv.naver.com, uno dei canali di punta coreani nella distribuzione in streaming di contenuti televisivi.
Nel frattempo, Samsung manda in onda il filmato sui suoi televisori esposti in tutti gli store del mondo, Italia compresa.

Una delle migliori rappresentanze del Made in Italy. E anche un po’ Made in Anima Golden.
Ultima modifica il Venerdì, 09 Giugno 2017 20:27
Silvia Sertorio

Responsabile Relazioni Pubbliche e Addetta Stampa di Anima Golden

Sito web: relazioni@animagolden.it

Image is not available

Domenica, 25 Settembre 2016

Camugnano (Bo)

Image is not available

Venerdì, 30 Settembre 2016

Italia

Shadow
Slider
Iscrizione Newsletter

Novembre

Image is not available

Storie Golden

Image is not available
Image is not available
Shadow
Slider

Google Consiglia

Slider